09/09/2018 Ma l’Italia ha bisogno dell’Unione Europea

di Redazione

Fonte: Famiglia Cristiana

Se vogliamo ragionare di politica internazionale dobbiamo abituarci ad affrontare la complessità e non a lasciarci andare a semplificazioni emotive. La riflessione di Andrea Riccardi.

L’Europa sembra all’origine di tanti nostri problemi a partire dalla questione degli sbarchi di immigrati nel nostro Paese. Ma tutto è ben più complesso di questa interpretazione.
Se vogliamo ragionare di politica internazionale dobbiamo abituarci ad affrontare la complessità e non a lasciarci andare a semplificazioni emotive. Che i Paesi europei non siano solidali con l’Italia sull’accoglienza ai migranti è una realtà da tempo. Nasce da una considerazione esclusiva degli interessi nazionali, dimenticando che ci sono frontiere dell’Unione di fronte alle quali essere responsabili.
Nessun Paese vuole farsi carico della questione bollente dei migranti. Soprattutto il cosiddetto gruppo di Visegrad (Polonia, Ungheria, Cechia, Slovacchia e – di fatto – Austria) rifiuta di accogliere stranieri che sembrano incrinare l’identità europea e cristiana della popolazione. Più flessibile è l’atteggiamento della Germania. Viene da chiedersi (anche dopo l’incontro tra Salvini e Orbàn, primo ministro ungherese), quale sia la coincidenza d’interessi italiani con l’Est europeo. 

CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG >

Tag: , ,